Fondi Interprofessionali

Grazie alla sua quindicennale esperienza nel settore, CFA offre alle imprese interessate la propria competenza in materia di formazione finanziata mediante i Fondi Interprofessionali, proponendosi in qualità di interlocutore aziendale per l’analisi, la progettazione, l’erogazione e la rendicontazione dei piani formativi.

I Fondi Interprofessionali sono organismi a cui le aziende possono decidere di far confluire la quota dello 0,30% dei contributi versati all’INPS. L’iscrizione al Fondo è libera e gratuita e consente all’azienda di accantonare risorse da utilizzare per finanziare, in tutto o in parte, la formazione dei propri dipendenti.

I Fondi Interprofessionali attivi attualmente in Italia sono diversi, ognuno con una propria struttura, proprie regole e differenti modalità di gestione. Il Centro di formazione CFA, ente accreditato presso Regione Lombardia, si propone come partner qualificato per affiancare le imprese in tutte le fasi del processo di finanziamento: dalla scelta del Fondo più idoneo ai fabbisogni aziendali alla gestione della documentazione necessaria; dalla presentazione del piano formativo fino all’erogazione e alla certificazione del percorso realizzato.

Per ulteriori informazioni, consulta la sezione FAQ in fondo alla pagina o contatta l’Ufficio Analisi e Sviluppo.

Ultimo aggiornamento: 2 luglio 2018

Faq Fondi Interprofessionali

L’adesione ad un Fondo Interprofessionale serve a finanziare in tutto o in parte i costi della formazione del personale dipendente.

La Legge 388/2000 definisce che le aziende possano destinare ad un Fondo Interprofessionale lo 0,30% delle retribuzioni soggette all’obbligo contributivo (versamento altrimenti destinato automaticamente all’INPS).

No, l’adesione ad un Fondo non comporta alcun aggravio per l’azienda che vi aderisce: parte del contributo ordinariamente versato all’INPS viene infatti accantonato nel Fondo scelto dall’azienda, che potrà utilizzare le risorse accumulate per finanziare il proprio fabbisogno formativo.

No. Se non si destinano ad un Fondo Interprofessionale, i contributi sono trattenuti dall’INPS. Aderire ad un Fondo è una possibilità per le aziende di recuperare parte dei contributi previdenziali obbligatoriamente versati e destinarli alla formazione dei propri lavoratori.

No, ogni azienda è libera di aderire al Fondo che preferisce indipendentemente dalla sua dimensione e dal settore in cui opera.

Ogni azienda può aderire ad un solo Fondo. L’adesione è volontaria, revocabile e completamente gratuita e si effettua attraverso la denuncia aziendale del FLUSSO UNIEMENS compilato periodicamente dall’ufficio paghe o dal consulente del lavoro. Ad ogni Fondo è assegnato un codice che deve essere inserito nella sezione “Fondi Interprofessionali” del modello UNIEMENS.

Il modo più semplice per verificare se la propria aziende aderisce ad un Fondo è attraverso il Cassetto Previdenziale aziendale contenuto nel sito dell’INPS.

Sì, è possibile revocare l’adesione ad un Fondo e contestualmente aderire ad uno nuovo. Qualora ci si sposti da un Fondo all’altro è inoltre possibile, previa verifica dei requisiti necessari, trasferire parte delle risorse precedentemente accantonate.

Non esiste un Fondo migliore in assoluto. Le variabili da considerare sono molteplici: dimensione dell’azienda, tipologia delle esigenze formative, urgenza nell’attivazione dei corsi, etc. Rivolgiti ai nostri consulenti per individuare il Fondo Interprofessionale più adatto alle esigenze della tua azienda.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.